Modelli predittivi per il tumore della prostata.

UUO302

Autore: SIUrO
Durata minuti: 174
Tipologia: Chiave USB

Nuovo

I modelli predittivi costituiscono strumenti utili nella fase decisionale che è associata alle scelte di trattamento del carcinoma della prostata e il cui scopo è la massimizzazione del rapporto terapeutico.Il loro utilizzo può quindi essere di supporto nell’elaborazione di un percorso clinico personalizzato che tenga in considerazione le caratteristiche specifiche del singolo paziente.

Maggiori dettagli

85,58 €

Preview

  Modelli predittivi per il tumore della prostata.

I modelli predittivi costituiscono strumenti utili nella fase decisionale che è associata alle scelte di trattamento del carcinoma della prostata e il cui scopo è la massimizzazione del rapporto terapeutico. Se utilizzati in modo appropriato essi possono supportare i punti critici di decisione: la scelta tra atteggiamento osservazionale e trattamento radicale, la scelta tra le diverse possibili opzioni radicali, la modalità di erogazione ottimale del trattamento scelto. Il loro utilizzo può quindi essere di supporto nell’elaborazione di un percorso clinico personalizzato che tenga in considerazione le caratteristiche specifiche del singolo paziente. La letteratura scientifica propone una grande quantità (più di 100) di modelli predittivi per il carcinoma della prostata, tra i quali alcuni predicono con accuratezza ragionevole la probabilità di controllo della malattia, la probabilità di estensione linfonodale e strumenti per predire le tossicità indotte dai trattamenti. Negli ultimi anni è stato compiuto uno sforzo notevole per produrre trasposizioni “user-friendly” di modelli statistici (attraverso lo sviluppo di nomogrammi, tabelle, alberi decisionali o interfacce web), in modo da rendere semplice il loro utilizzo da parte del medico. Va sottolineato che i modelli predittivi attualmente disponibili sono uno strumento potente, ma rimangono allo stesso tempo un’area di ricerca attiva. Resta da definire in ogni situazione quale sia il modello più adatto, se siano conosciuti tutti i parametri importanti che possano influenzare l’endpoint predetto dal modello, se i metodi statistici utilizzati possano essere perfezionati e quali siano le azioni da intraprendere per migliorare la qualità dei dati che vengono raccolti per generare i modelli predittivi. Inoltre i modelli attuali mancano spesso di una validazione esterna che possa dare una stima della loro capacità previsionale al di fuori della popolazione utilizzata per svilupparli. Il presente corso si propone di affrontare e discutere le diverse tematiche legate ai modelli predittivi per il carcinoma della prostata: la letteratura disponibile, le problematiche ancora aperte, le soluzioni attuabili e i possibili sviluppi della ricerca in questo campo.

Barbara Avuzzi - Radioterapia Oncologica 1, Programma Prostata, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano
Alberto Briganti - S.C. Urologia, Ospedale S. Raffaele, Milano
Andrea Gallina - S.C. Urologia, Ospedale S. Raffaele, Milano
Debora Marchiori - Urologia, GynePro Medical, Bologna
Gigliola Sica - Istituto di Istologia, U.C.S.C., Roma
Riccardo Valdagni - Radioterapia Oncologica 1, Programma Prostata, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano

NOVITA': Compatibile con sistemi operativi Windows e OS X (Apple Machintosh) (Vedi Requisiti di sistema)

Flash Drive, memoria su chiave USB Dimensione: 8 GB Contenuto: Video HD 1280*720 pixel.
Corso in formato H264 criptato e visibile solo con la chiavetta inserita nel pc.
Requisiti di sistema: OS Windows XP (specificare nell'ordine), Vista, Seven, Windows 8 Mac OS X da 10.7.1 - Memoria RAM minima: 3GB
Protezione: La chiavetta è criptata e non duplicabile, quindi il suo contenuto può funzionare solo ed esclusivamente con chiavetta inserita e il player all’interno della stessa.